Il Progetto - Difesa Personale WKK

Vai ai contenuti

Menu principale:

Programma
La DIFESA PERSONALE è ................

  • La DIFESA PERSONALE  è  un idea,un concetto, un insieme di atteggiamenti,emozioni, azioni  atti a raggiungere l'obiettivo insito nel nome stesso. Più volte si è visto come  la difesa personale sia stata presentata come un prodotto risultato di un certo numero di tecniche ("un pacchetto  confezionato") estrapolate qua e là da una o più arti marziali  che a discrezione di chi l'ha promossa potesse offrire la soluzione a determinate problematiche definite e circostanziate,  creando così l'ennesimo sistema\metodo .  IL "WKK DIFESA PERSONALE" a seguito della definizione sopracitata, si pone come obiettivo lo studio e l'allenamento  di comportamenti e atteggiamenti mentali,   posturali, nonché tecnici, al fine di trasmettere all'allievo tutti gli strumenti per meglio affrontare le innumerevoli e irripetibili situazioni critiche nella maniera più efficace.  Il Kali Kalasag  offre  tutti gli elementi tecnici  utili per raggiungere tale scopo perché, aldilà della singola tecnica che potrebbe essere risolutiva in una unica e determinata situazione critica, il metodo didattico KK intende raggiungere la conoscenza dei principi che stanno alla base delle tecniche, inevitabilmente legati alla fisiologia umana, e quindi efficaci in tutte le situazioni laddove il denominatore comune sia l'uomo.

  • Allo stesso modo andranno allenati anche gli stati mentali e comportamentali al fine di renderli più idonei a prevenire lo scontro, e solo quando questi avranno fallito per vari motivi,si passerà al secondo step: quello dello scontro fisico.

  • L'allievo verrà inoltre allenato,attraverso una specifica didattica, a gestire situazioni di criticità in un contesto addestrativo di serenità. Abituandolo infatti a lavorare in un ambiente tranquillo e controllato, l'applicazione delle tecniche in strada non subirà cambiamenti sostanziali dal punto di vista emotivo rispetto alla palestra. L' obiettivo ultimo è quindi di riuscire a  vivere con l'adeguata attenzione lo scontro, perché già abituato a farlo!. Ciò al fine di evitare che l'ansia, la paura, e l'adrenalina, (emozioni naturali,inevitabili, ma gestibili)non compromettano sensibilmente la valenza tecnica acquisita utile alla risoluzione del problema.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu